Taking too long? Close loading screen.
Gravina di Castellaneta 2018-07-16T13:25:12+00:00

LA GRAVINA DI CASTELLANETA

Gravina di Castellaneta, avventura in puglia, gravin, pingiovani, gravine, terra delle gravine

LA GRAVINA DI CASTELLANETA

Gravina di Castellaneta, avventura in puglia, gravin, pingiovani, gravine, terra delle gravine

La Gravina di Castellaneta (o Gravina Grande) è un canyon lungo circa dieci chilometri, con una profondità massima di circa 140 metri e larghezza media di circa 300 metri. Come la Gravina di Laterza anche quella di Castellaneta è tra le gravine più maestose della Terra delle Gravine, caratterizzata da versanti e pareti rocciose molto ripide.
Tale profondo solco nella roccia calcarea nasce a nord-ovest del centro urbano di Castellaneta, lambisce il centro storico della città edificato strategicamente a picco sulla Gravina e termina a sud. Le acque, di carattere torrentizio, che nei periodi invernali e primaverili scorrono sul fondo, provenienti dal canale Lummo, confluiscono nel Fiume Lato.
Il ciglio e le aree circostanti della Gravina di Castellaneta, purtroppo si presentano fortemente antropizzate, mentre i versanti ed il fondo gravina rappresentano veri e propri rifugi faunistici caratterizzati da una enorme varietà vegetazionale.
L’imponente Palazzo Baronale e la Chiesa medievale di Santa Maria dell’Assunta spiccano nello skyline del centro storico di Castellaneta che, a strapiombo sulla Gravina, offre spettacolari scenari naturalistici e rappresenta la testimonianza di una antica funzione difensiva di tale elemento paesaggistico.
L’area centrale della Gravina, dove è maggiore la presenza di formazioni rocciose calcarenitiche (tufo calcareo), è ricca di insediamenti e grotte rupestri, tra cui la Chiesa rupestre del Padre Eterno, con pianta irregolare, a ventaglio, suddivisa in tre navate longitudinali e caratterizzata da una Deesis, raffigurante Cristo tra la Vergine e San Giovanni Battista.
A pochi passi dalla Gravina Grande troviamo la Gravina di Coriglione o “Gravinella” con la Chiesa rupestre di Santa Maria di Costantinopoli, composta da tre navate absidate, in cui troviamo numerose tracce di affreschi.
Di notevole importanza naturalistica, nel territorio di Castellaneta, è la contrada Montecamplo, anticamente denominata Monte d’Oro per l’importante presenza di piante aromatiche e medicinali. Un’area caratterizzata dalla presenza di numerose gravine (la Gravina di Montecamplo, la Gravina di San Nicola, la Gravina del Lauro, la Gravina della Vernata, la Gravina di Giacoia e la Gravina di Pentimelle) ricoperte da una lussureggiante vegetazione.